29
Set 16

L’anno del Miracolo – 29 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona
“Mi metti a posto il telefono?”
“Mi spiace, ho entrambe le mani occupate”
Questo è lo stralcio di un dialogo che io e la mamma abbiamo avuto stasera. Avere entrambe le mani occupate. Non è una figura retorica, è un dato oggettivo. Da che sei arrivato tra noi non ci si trova mai con le mani in mano e, come ti ho già scritto, molte volte ci si chiede “Ma chi ce lo ha fatto fare?”. Potevamo avere mani costantemente vuote, ora invece tengono in braccio te.


28
Set 16

L’anno del Miracolo – 28 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona
Più vedo tua sorella e tuo fratello crescere, più aumenta la mia curiosità nel vedere come sarai tu. Il tuo carattere, il tuo porti nei confronti del mondo. In casa oggi abbiamo un diamante dai mille riflessi ed una sfera trasparente. Se li hai conosciuti un pochino sai già chi è chi. Ma invece tu? Sarai uno dai mille perché? Sarai uno da “lasciatemi stare”? Pian piano stai uscendo da bozzolo dell’oggettino che dorme/mangia/piange e sto capendo alcune cose. Ti piace la gente che guarda, ti piace ridere, ti piace la musica. Poi come sarà? Più di tutto, spero ti piacerà vivere.


27
Set 16

L’anno del Miracolo – 27 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona
Mamma che sonno, figlio mio. Questi tuoi continui risvegli ci devastano. Davvero faccio fatica a capire come mamma resista a dei ritmi simili. Certo è che le mamme sono fatte di una sostanza che non si può sintetizzare. Dev’essere una cosa tipo un super potere. La super resistenza. Ogni mattina, comunque vada la notte precedente, mamma si tira su dal letto e si da una spinta per iniziare la giornata. Secondo me, per rendere più credibile Wonder Woman dovrebbero disegnarla con un bimbo in braccio. Aspetta, vuoi vedere che la Madonna…


26
Set 16

L’anno del Miracolo – 26 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona

Questo libro si intitolerà “L’anno del Miracolo”, ma avrebbe potuto intitolarsi “365 motivi per cui mio figlio mi ha salvato la vita”. Perché questo hai fatto. Ti ho voluto, ti ho cercato, ho convinto mamma. Perché la vita stava prendendo il sopravvento e allora come un naufrago ho cercato un appiglio, qualcosa con cui salvarmi.
E sei arrivato tu. Con questa zattera ho vissuto uragani, tempeste, soleggiate, caldo, freddo. Di tutto. Con la certezza di non affondare più. La consapevolezza che le tue manine mi hanno sorretto, dato fiducia e garantito che questa vita, con tutto il suo bene e tutto il suo male, è valsa a qualcosa.


25
Set 16

L’anno del Miracolo – 25 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona

Oggi ho ricevuto un complimento da parte di una persona, assolutamente disinteressata, che ha letto il mio libro. Sai scrivere, mi ha detto. E’ stato gratificante.
Non so se tu sceglierai di fare qualcosa di artistico nella tua vita. Nel caso, ti accorgerai prestissimo che senza la costanza, la dedizione e, più di ogni altra cosa, la determinazione, ogni progetto sarà impossibile da finire. Perché di buontemponi che dicono “Cosa ci vorrà mai!” oppure di critici che dicono “Avresti dovuto far così” ne è pieno il mondo. Di quelli che fanno invece ce n’è pochi. E fare non vuol dire piacere, sia chiaro. Significa solo che dopo un complimento, ripensando alla fatica, uno può pensare “Ne è valsa la pena”.


24
Set 16

L’anno del Miracolo – 24 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona

Hai presente quelle sere di cui ti ho scritto, quelle in cui tu facevi strilli ed urla ed era complicato gestirti? Hai presente che alla fine di ogni pensiero scrivevo comunque che tu eri la cosa migliore che poteva capitarci? Questa sera, immagina cosa possa aver significato per me, tra le mie braccia sei stato un angelo. Abbiamo iniziato con musica movimentata, roba da bimbi, sigle di cartoni, cose da ridere. Poi mamma ha detto “E chi lo calma questo, ora?”. “Ci penso io” ho detto. Ed alla fine ci hanno pensato gli Eagles. E ti ho cantato per tutta la sera, tu lì, tra le mie braccia a goderti lo spettacolo. Quale miglior momento per cantarti che “quando avremo fame l’amore ci terrà vivi”?


23
Set 16

L’anno del Miracolo – 23 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona

Mamma si lamenta che in casa guardiamo solo film di fantascienza. In sostanza o ci sono supereroi o ci sono dinosauri, o cose che esplodono. Io e tuo fratello diventiamo matti. Ormai è una sorta di guerra quotidiana. Le regole in casa dicono che una sera sceglie tua sorella, una tuo fratello. Quando sceglie lui scattano gli immancabili “Noooooo” di protesta, accompagnati dal sorriso di tuo fratello che spiega come “I film apocalittici [così li chiama] sono i miei preferiti”.
Ora, tu rifletti su questo quando sarà il tuo momento di scegliere: preferisci vedere storie d’amore con canzoncine da ragazzini oppure una sana, vecchia e mastodontica esplosione?


22
Set 16

“Ardo” e “L’anno del Miracolo” per l’associazione Simone For children

simoneforchildren

Simone For Children è un’associazione nata per fare cose belle.

Quando scrivo cose belle, intendo formalmente progetti di sviluppo umano e sociale ai fini di favorire lo sviluppo umano, sociale e culturale in tutti i paesi del mondo.

Ma nella sostanza tutto parte dalla convinzione che una vita bella dipenda dal circondarsi di cose belle.

E’ per questo che abbiamo deciso di collaborare con l’associazione, mettendo a disposizione i libri Ardo e L’anno del Miracolo per invitare le persone ad interessarsi ai temi proposti dall’associazione e contribuire ai suoi progetti.

Ci saranno tanti eventi nei prossimi mesi, il primo dei quali è una presentazione e vendita di beneficenza dei due libri, domenica 25 settembre, presso il salone dell’oratorio di San Giovanni di Rho (Via Don Giuseppe Ravazzani, incrocio via Diaz), a partire dalle 11:30.

Dell’evento si parla su Facebook a questa pagina:

E sempre su Facebook ci sono due eventi associati ad Ardo e L’anno del Miracolo che riconducono sempre a domenica.

Appuntamento alle 11:30 quindi, vi aspettiamo!


22
Set 16

L’anno del Miracolo – 22 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona

Certi giorni, come ad esempio oggi che è lunedì, sembri stanchissimo. Hai gli occhi rossi di chi non ha dormito da un pezzo. Eppure non cedi. Sembra quasi tu voglia dimostrare che puoi farcela a stare sveglio ancora un po’. Se solo potessi capire… Noi ci fidiamo!
Abbiamo capito che hai un carattere forte, curioso e che sarai uno di quelli a cui non basterà un sì o un no. Vorrai sempre anche il perché. Dentro di me coltivo la speranza che diventerai un uomo alla ricerca dei perché. I sì e i no lasciali ai soldati, noi siamo pacifisti.


21
Set 16

L’anno del Miracolo – 21 settembre

L'anno del miracolo - blog - icona

Questa sera ho chiesto scusa a tua sorella. Io, l’orco cattivo, terrore di tutti i bambini, uomo nero delle favole, ho chiesto scusa a una bambina di undici anni. Perché? Le sono saltato addosso perché non mi faceva vedere in santa pace il film. E’ tutto un chiedere, chattare, provare suonerie. Non ce l’ho fatta più e son sbottato. E lei è corsa in camera sua con mamma che la inseguiva per salvare il salvabile.
La scusa che le ho chiesto dopo non veniva da un senso di colpa, bada bene, non era un atto dovuto. E’ solo che chi sbaglia chiede scusa. Anche a un bambino.