26
Mag 16

L’anno del miracolo – 26 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Oggi sono arrivati i risultati delle elezioni. Ricordi quando ti scrivevo di non fidarti mai di chi non sorride ai bimbi? Ecco, cito questa cosa perché per quanto riguarda la politica è necessario (almeno così la pensa tuo padre) fare un discorso simile.
Non ci si può fidare di chi è lontano anni luce dal tuo modo di vivere. Se studierai la nostra storia, a prescindere dal tuo credo politico, vedrai come sono esistiti politici veri, che credevano e vivevano una missione e politici opportunisti, lì quasi per caso a mungere lo stato per arricchirsi. Il problema del nostro tempo? Trovare gente della prima categoria.


25
Mag 16

L’anno del miracolo – 25 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Stasera a cena mi sono lamentato del fatto che sei un rompiballe. La mamma è molto paziente, è capace di sopportare che ti lamenti, che cigoli e piangi mentre si mangia. Io non ci riesco. C’è qualcosa nel pianto dei bimbi neonati che mi manda fuori. Sento proprio innescarsi una reazione alla base del cervello e stasera l’ho detto. Dopo giornate intense, piene della solita frenesia, uno arriva a casa e vuole solo sedersi a tavola, mangiare con calma e parlare di come è andata la giornata.
Stasera tu piangevi, ma era più come se volessi parlarmi, e mi sa che ti ho capito. La frase che dicevi era “Hai voluto la bicicletta?”.


24
Mag 16

L’anno del miracolo – 24 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Ieri ti scrivevo dell’amicizia. Ti ho scritto “Se sarai bravo, allora troverai un amico”. Ho scritto così, perché non penso dipenda dalla fortuna. In generale per le cose della vita vedrai come troverai sempre qualcuno che sembra fortunato e qualchedun altro che non lo sembra affatto. Ascolta tuo padre: la fortuna non esiste. Puoi azzeccare la risposta corretta di un test a scuola una volta, ma se non studi, la volta dopo andrà male. Puoi infilare un calcio piazzato in mezzo ai pali “per caso”, ma se non ti alleni con costanza, non avrai mai percentuali alte. Puoi pensare che le persone importanti intorno a te arrivino da sole, ma se non segui il tuo cuore, se non agisci da uomo giusto, allora darai sempre colpa alla sfortuna.


23
Mag 16

L’anno del miracolo – 23 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Stasera sono uscito con il mio migliore amico. Non so spiegarti quanto sia importante avere, al di fuori della tua famiglia, una figura di riferimento con cui confrontarti. Nel corso della vita ti capiteranno decine, centinaia di persone, ma solo poche, pochissime, rimarranno con te in ogni caso.
Leggi bene: in ogni caso. Perché la vita è così, ti succedono un mare di cose, subisci torti, ne fai, mostri i tuoi limiti e gli altri lo fanno con te. Un amico è la persona che vede tutte queste cose e nonostante tutto sta al tuo fianco, e lo stesso fai tu per lui.
Un amico così è una merce rarissima, come l’acqua nel deserto. Se sarai bravo, troverai anche tu un amico a cui donare e da cui prendere. Gratis, perché l’amicizia non prevede guadagno.


22
Mag 16

L’anno del miracolo – 22 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

La cosa strana del ritrovarsi con tre figli è che la gente ti da un po’ del matto ed un po’ invece pensa che sia facile. Ci sono quelli che ti guardano con la faccia di chi dice “Io non lo farei mai”, altri che invece sembrano dire “Cosa vuoi che sia?”. A volte sono le stesse persone, nella stessa discussione.
“Sai, ho deciso che il prossimo anno mi fermo, non credo di avere le forze per continuare a fare sport così”
“Ma non dire cagate! Sei ancora così giovane!”
“Giovane sì, ma con tre figli a cui dedicare del tempo!”
“Effettivamente…” dicono, e poi cambiano discorso.
Vuoi che ti dica la verità? L’ho capito, anche se “solo” a trentacinque anni: nessuno sa mai che pesci pigliare. Si improvvisa.


21
Mag 16

L’anno del miracolo – 21 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Oggi giornata disastrosa. Ho finito di lavorare alle 21:00 dall’altra parte della città. Ora che sono arrivato a casa era praticamente notte. Non ho neanche provato a “caricarmi” con voi bambini, eravate già andati a dormire.
L’altro giorno ti dicevo che l’antidoto per i lunedì lavorativi è la propria famiglia. Oggi invece ti cito un proverbio cinese (penso): trova un lavoro che ti piace e non lavorerai un giorno nella tua vita.
Ora queste cose “zen” sono vere, però se penso che a dirle è stato un bonzo sul suo tappetino che rifletteva ogni giorno della sua vita, trovandosi il mangiare pronto, mi viene da citare invece tuo nonno: inscì in bon tucc (così son capaci tutti).


20
Mag 16

L’anno del miracolo – 20 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Stasera a cena è scattato un gioco: ognuno di noi doveva assegnare tre aggettivi agli altri. Tengo a precisare che la televisione era spenta, ed in questi casi la comunicazione funziona meglio. Ti faccio un riassunto. Tuo fratello è altruista, a volte ingenuo, tua sorella è complicata e decisa, di tua madre (a parte che tutti hanno detto “buona”) ho detto che è valorosa. Proprio come gli eroi delle fiabe. E’ lei la regina di questo castello, ed è per merito suo se il regno è così bello.
A me han detto che sono impulsivo. E tu considera che non mi hanno conosciuto da giovane, quando mi chiamavano “tempesta”.
Han detto qualcosa anche su di te, prendilo con le pinze, ma ti han definito “cagone”.


19
Mag 16

L’anno del miracolo – 19 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Ti auguro il minor numero di lunedì tremendi per la tua vita lavorativa. Vasco ci ha pure scritto una canzone, ed ha sempre avuto ragione. Il lunedì non si può vedere.
C’è sempre più traffico, più problemi, meno voglia di fare… Devi cercare un lavoro che ti dia soddisfazioni anche il lunedì. Oppure, se vuoi, fai come me. Dopo un lunedì bruttino e noioso stasera ho aperto la porta di casa. Mi è corso incontro tuo fratello e tua sorella ti teneva in braccio. La mamma mi ha dato un bacio e lì ho capito: la cura ai lunedì tremendi è avere una famiglia.


18
Mag 16

L’anno del miracolo – 18 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Questa mattina ti abbiamo portato a messa. Avevi bisogno di addormentarti, così abbiamo pascolato in giro. Nel farlo guardavo le famiglie che avevo intorno. Genitori conosciuti e sconosciuti, gente che ha fatto scelte diverse, scelte complicate… Scelte.
La conclusione che ho tirato in un certo modo ti riguarda: chiunque può fare un figlio. Ho visto persone talmente strane che al tempo non l’avresti mai creduto possibile ed oggi invece sono genitori.
Bestiale.
Il punto però è questo: fare un figlio è forse la cosa più semplice (e più divertente, vedrai) del mondo. Ma la vera differenza la devi fare appena dopo, quando arriva il ciclone. Se hai costruito la casa sulla pietra tutto a posto, altrimenti ciao ciao Dorothy, vai a conoscere il mago di Oz.


17
Mag 16

L’anno del miracolo – 17 maggio

L'anno del miracolo - blog - icona

Lo posso dire in forma ufficiale: stamattina hai sorriso. Anzi, rettifico, hai sorriso a tutti noi. Ti spiego. Non mi considero troppo pigro, ma mi piace molto dormire. In genere il sabato mattina (come oggi) sono l’ultimo ad alzarsi. Così pian piano tutti sbirciano. E’ sveglio? Papi? Sei sveglio? E mano a mano li chiamo tutti lì, finendo inevitabilmente a cuscinate. Oppure con tua sorella che gioca a liberarsi.
Stamattina nel lettone c’eri anche tu. Noi i pastorelli e tu il Gesù bambino in un presepe casalingo. La stella cometa? Il tuo sorriso.