26
Gen 15

Io credo nel Miracolo

Ci sono giorni in cui ti sembra che il peso ti schiacci. Parlo del peso delle giornate, della fatica di fare, dell’equilibrio di bilanciare cosa è meglio per il lavoro, cosa è meglio per la vita. Troverò il tempo per? Non è da troppo che son seduto sul divano? Non è da troppo che sto lavorando?
Ci sono giorni così, col dubbio di non stare facendo abbastanza, di non investire nei sogni, di non credere più ai miracoli.
Ci sono giorni così, ma oggi non è uno di questi.

Domani ci penseremo.


11
Feb 13

Fiera delle mediocrità – Mediocrity fair

Lunedì sera ho suonato con la mia band (gli AnteprimA, www.bluscurock.com) presso il locale Le Trottoir di Milano. Sì, era lunedì sera, faceva freddo e tu m’insegni, anche se sei in porta Genova a Milano, ergo in un posto che più figo non si può, se a vederti conti 10 teste sconosciute è un successone.

Vista Le Trottoir

Vista Le Trottoir

Ecco, diciamo che non è stato un successone.

Continue reading →


18
Dic 12

Ardo, le canzoni. Time.

Qualcuno ha detto che è il miglior album della storia della musica moderna. Sono sempre affermazioni opinabili, più che altro perché di arte si tratta e quindi qualcosa di soggettivo. Ma diciamo la verità, questo tipo di considerazioni si possono fare solo per album della portata di “The Dark Side Of The Moon”.

Pink Floyd - Time

Pink Floyd – Time

In particolare la canzone “Time”, che è indirettamente citata all’interno del capitolo “La stampante”, nella seconda parte di Ardo, rappresenta un esempio di arte pura. Come fosse un quadro pieno di dettagli che ad ogni visione (quindi ascolto) presenta un dettaglio nuovo, quasi fosse in movimento. Questo quadro dura quarantadue minuti e spiccioli di secondi, ed in questo – breve – tempo, c’è un decennio di musica, una completezza generale, una cura dei dettagli, ineguagliati.

Continue reading →


16
Dic 10

Sempre

Il concetto è sempre quello, l’ho ripetuto più volte: sul palco, giù dal palco o a casa propria.

Sempre

Sempre

Così come ho detto questo ho sempre ripetuto che a prescindere io scelgo il palco. Per tutta una serie di ragioni, prendendo insieme oneri ed onori. In genere oneri tanti, onori pochissimi. Perché stando sul palco ti esponi. Non solamente perché, evidentemente, sei di fronte a tutti, ma anche perché mostri, senza lasciar dubbi come sei fatto. Come affronti le cose, come le interpreti.

Continue reading →


30
Ott 10

Il concerto

In un dialogo scritto per un pezzo di teatro (per la cronaca “Sempre” in scena anche il 4 dicembre 2010 all’Auditorium di Rho), parlo di come, secondo il protagonista, la vita possa essere vissuta in tre modi: uno è sul palco a suonare, due è giù dal palco a ballare e tre è stare a casa propria, lontano dal concerto, felici di ignorare e di essere ignorati.

Concerto

Concerto

Io ho sempre optato per l’approccio uno, mi ci rispecchio, ma se suonano i Guns, ci si siede e si ascolta.

Continue reading →


01
Giu 10

Democrazia cinese

A momenti rischiavo il patatrac. Nel senso che per un pelo mi perdevo tutto il divertimento. Tutto perché veniva quasi più facile ascoltare le voci intorno, quelli del carrozzone: basta che uno faccia una cosa diversa, inusuale, incomprensibile ai più e subito la si bolla come una cazzata, qualcosa che va disprezzato a prescindere.

Chinese Democracy

Chinese Democracy

Uno si chiede: con chi ce l’hai stavolta? Con nessuno, al solito. Ma parlo dei Guns. Di Chinese Democracy, l’ultimo album. Proprio quello. Quello di Axl.

Continue reading →


16
Feb 09

Jim Brickman e l’istruzione

Jim Brickman è un pianista. Di quelli bravi. C’è un suo album che si intitola “Picture This” che è quanto di più ispiratore possa esistere. Chiariamo, stiamo parlando di un album di (praticamente) solo pianoforte. La voce c’è in una traccia verso la fine, ma per il resto a cantare c’è solo il pianoforte.

Brickman

Brickman

Magari in alcuni pezzi c’è un Sax con cui la partitura si scambia, o dei violini di sottofondo, ma è tutta roba lieve, a farla da padrone c’è sempre il pianoforte.
Ascoltare quest’album apre la mente e per certi versi stupisce, o quantomeno stupisce gente come chi scrive che identifica la musica come qualcosa in cui sia la voce al centro di tutto.
E’ questione di prospettive, come sempre.

Continue reading →